← Vedi l'indice di tutto sulle patenti

Neopatentati: quali sono i limiti e le normative?: leggi tutto sui neopatentati

 

Si definisce Neopatentato il conducente che ha conseguito la patente di guida, per le categorie A2, A, B1, B, da meno di tre anni 

Per questa categoria di conducenti sono previste alcune limitazioni, vediamole nel dettaglio
 

Il  Codice della strada stabilisce che i neo-patentati (con patente di guida di categoria B) che abbiano conseguito il documento di guida dopo il 9 febbraio 2011, non possono guidare, per un anno dalla data del conseguimento della patente, autoveicoli con una rapporto potenza/tara  a 55 kW/ tonnellata.
Nel caso di veicoli di categoria EuropeaM1, (autovetture, quindi veicoli destinati al trasporto di persone, capaci di trasportare fino a un massimo di  9 persone comprese il conducente). si applica un ulteriore limite di potenza massima pari a 70 kW (95 CV).

Sintetizzando, i neopatentati non possono guidare per 1 anno dal conseguimento della patente:
 

  • autoveicoli con rapporto potenza/peso superiore a 55 kW per tonnellata (kW/t) o comunque
  • autoveicoli con potenza massima pari o superiore a 70 kW, 95 cavalli indipendentemente dal peso del veicolo
     

In caso di mancato rispetto della normativa descritta è prevista una multa che va da 161 a 647 euro e la sospensione della patente che va da due a otto mesi.
 

E' possibile verificare dal sito della Motorizzazione https://www.ilportaledellautomobilista.it/web/portale-automobilista/patenti_neopatentati se il veicolo rientra nei limiti imposti per i neopatentati

 

N.B: la limitazione di potenza non si applica ai veicoli destinati al trasporto di persone invalide a patto che il veicolo sia munito di apposito contrassegno e che la persona invalida sia presente in auto

 

Limiti  di velocità per i neopatentati (articolo 117 del codice della strada)
 

Tutti i neopatentati che hanno conseguito la patente di guida di categorie A2, A, B1 e B.da meno di tre anni, devono rispettare  i seguenti limiti di velocità massima:
 

  • 100 Km/h in autostrada;
  • 90 Km/h sulle strade extraurbane sia  principali che secondarie
     

I neopatentati che non rispettano questi limiti incorrono in multe che vanno da 152 a 608 euro e la decurtazione del doppio dei punti previsti per ogni infrazione commessa rispetto a chi ha la patente da oltre 3 anni. 

Inoltre è prevista la sanzione accessoria della sospensione della patente che va dai 2 agli 8 mesi.

 

Patenti estere e limitazioni per neopatentati
 

I conducenti che hanno conseguito la patente in uno Stato che non fa parte dell'U.E  possono guidare sul territorio Italiano al massimo per un anno dalla data di acquisizione della residenza Italiana, poi devono provvedere alla conversione della patente estera in patente Italiana.
 

Dal momento in cui viene rilasciata la nuova patente Italiana però il conducente viene considerato neopatentato (anche se ha un'anzianità di guida maggiore nel Paese di provenienza). Egli dovrà pertanto rispettare per un anno le restrizioni descritte in precedenza sia nel rapporto potenza/peso che di velocità. 

 

Neopatentati e tasso alcolemico

Il codice della Strada, stabilisce con l'articolo 186 che il tasso alcolemico ammesso durante la guida su territorio Italiano sia al massimo di 0,5 grammi/litro

Viene considerato in stato di ebbrezza il conducente che abbia un tasso alcolemico superiore a questo limite ma le sanzioni previste variano in funzione del tasso alcolemico riscontrato in fase di accertamento da parte delle forze di Polizia.

Il limite cambia invece  per i neopatentati che per i primi 3 anni di patente hanno un tasso alcolemico ammesso = 0
 

Inoltre, per i neopatentati, le sanzioni previste sono aumentate di 1/3

 

Di seguito, indichiamo le sanzioni previste per la guida in stato di ebbrezza

La guida in stato di ebbrezza è punita, qualora il fatto non costituisca più grave reato:     

 

a) con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma che va da € 532 a € 2.127, qualora sia stato accertato un valore corrispondente ad un tasso alcolemico superiore a 0,5 e non superiore a 0,8 grammi per litro (g/l). All'accertamento della violazione consegue la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida da tre a sei mesi; 

b) con  l'ammenda da euro 800 a euro 3.200 e l'arresto fino a sei mesi,  qualora  sia  stato  accertato  un valore corrispondente ad un tasso  alcolemico  superiore  a  0,8 e non superiore a 1,5 grammi per litro   (g/l).  All'accertamento del reato consegue in ogni caso la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida da sei mesi ad un anno; (3)     

c) con l'ammenda da euro 1.500 a euro 6.000, l'arresto da sei mesi ad un anno, qualora  sia  stato  accertato  un valore corrispondente ad un tasso alcolemico superiore a 1,5 grammi per litro g/l). All'accertamento del reato consegue in ogni caso la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida  da  uno a due anni. Se il veicolo appartiene a persona estranea al reato, la durata della sospensione della patente è raddoppiata. La patente di guida è sempre revocata, in caso di recidiva nel biennio

 

Patente a punti e neopatentati

Per ogni infrazione commessa ai neopatentati la decurtazione dei punti, viene raddoppiata (con un massimo comunque di 15 punti, se non sono state commesse infrazioni che comportino la sospensione o la revoca della patente). 
Ricordiamo che è considerato neopatentato il conducente che, successivamente alla data del 1° ottobre 2003, ottiene per la prima volta la patente B (anche se già titolare di patente A) oppure la patente A (se non è titolare di patente B). 
Non è considerato neopatentato chi ha conseguito la patente B prima del 1° ottobre 2003, né chi consegue una patente superiore se già titolare di patente B da almeno 3 anni. 
La condizione di neopatentato perdura per i 3 anni successivi alla data di rilascio della patente. 


Tuttavia, dal 13 agosto 2010, ai neopatentati che nei primi tre anni di patente non commettono infrazioni stradali, è attribuito 1 punto di bonus per ogni anno passato, raggiungendo un massimo di 3 punti patente.

 

 



← Vedi l'indice di tutto sulle patenti


NEWS
I certificati medici? In futuro saranno solo digitali
Esami di guida patenti A1, A2, A: ecco cosa prevedono i nuovi esami moto